Archive for the 'energie rinnovabili' Category

Aperitivo NO OIL

aperitivo_no_Triv2un incontro conviviale per organizzare la campagna referendaria  e finanziarla
ore 17.00 riunione del comitato referendario “vota SI contro le trivelle” del comprensorio amerino
ore 18.30 APERITIVO NO OIL – petrolio free un’occasione per parlare di quanto il petrolio è penetrato nelle nostre vite e nei nostri corpi, per esempio con gli oltre 700 addittivi alimentari che sono presenti nei prodotti in commercio…

No Comments »

E’ nato il comitato referendario “vota SI contro le trivelle” dell’Amerino

volantinoE’ nato ad Amelia il Comitato “vota SI contro le trivelle” del comprensorio amerino. Il suo compito sarà  sensibilizzare i cittadini sui problemi ambientali prodotti dalle estrazioni di idrocarburi nei nostri mari. Vogliamo far capire l’importanza di partecipare al referendum del 17 aprile contro le trivellazioni in mare per votare SI ed abrogare la norma (introdotta con l’ultima legge di Stabilità) che permette alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas entro le 12 miglia dalla costa di non avere più scadenze. La Legge di Stabilità 2016, infatti, pur vietando il rilascio di nuove autorizzazioni entro le 12 miglia dalla costa, rende “sine die” le licenze già rilasciate in quel perimetro di mare.
Nonostante che, grazie alla lotte del movimento NO TRIV, le società petrolifere non possano più richiedere per il futuro nuove concessioni per estrarre in mare entro le 12 miglia, le ricerche e le attività petrolifere già in corso non avrebbero più scadenza certa. Solo abrogando questa norma possiamo iniziare a tutelare le acque territoriali italiane.
Le trivelle sono il simbolo tecnologico del PETROLIO: la vecchia energia fossile principale causa dei cambiamenti climatici dovuti all’effetto serra, dell’ inquinamento in ambito urbano che produce gravissime patologie, della dipendenza economica nei confronti dei paesi produttori, di guerre scatenate per il controllo delle riserve.
Dobbiamo difendere gli interessi delle grandi lobby petrolifere a discapito dei cittadini, che vorrebbero meno inquinamento, e delle migliaia di imprese che stanno investendo sulla sostenibilità ambientale e sociale?
Noi vogliamo che il nostro Paese  prenda con decisione la strada che ci porterà fuori dalle vecchie fonti fossili, innovi il nostro sistema produttivo, combatta con coerenza l’inquinamento e i cambiamenti climatici.
Fermare le trivellazioni in mare è in linea con l’impegno, preso dall’Italia assieme ad altri 194 Paesi a Parigi alla Conferenza ONU sui cambiamenti climatici, di contenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi centigradi e contribuirà al raggiungimento di quell’obiettivo.
Far esprimere gli italiani sulle scelte energetiche strategiche che deve compiere il nostro Paese, in ogni settore economico e sociale, è la vera posta in gioco di questo referendum. Il comitato  si pone l’obiettivo di informare I cittadini  sul referendum, spiegando che il vero quesito è: “vuoi che l’Italia investa sull’efficienza energetica, sul raggiungimento del 100% di energia da fonti rinnovabili, sulla ricerca e l’innovazione?”.
Le più grandi risorse del nostro paese: il turismo, che contribuisce  al 10% del PIL e dà lavoro a 3 milioni di persone, la pesca, che produce il 2,5% del PIL e dà lavoro a 350.000 persone; il patrimonio culturale che vale 5,4% del PIL e che dà lavoro a 1 milione e 400.000 persone; il comparto agroalimentare, che vale l’8,7% del PIL, e dà lavoro a 3 milioni e 300.000 persone, vengono messe in pericolo dallo sfruttamento dei pochi giacimenti presenti nelle nostre acque territoriali.
Il gioco non vale la candela: tutto il petrolio presente sotto il mare italiano sarebbe appena sufficiente a coprire il fabbisogno nazionale di greggio per 7 settimane e le società petrolifere contribuiscono al bilancio dello stato con royalty di poco superiori ai 200 milioni di euro l’anno in quanto non versano niente alle casse dello Stato per le prime 50.000 tonnellate di petrolio e per i primi 80 milioni di metri cubi di gas estratti ogni anno e godono di un sistema di agevolazioni e incentivi fiscali tra i più favorevoli al mondo.
L’impatto pesaggistico e l’inquinamento prodotto dall’attività di estrazione del petrolio mettono a dura prova la salute e la bellezza delle nostre spiagge,  inquinano il pesce e riducono la pesca, tolgono risorse al turismo e appannano l’immagine dei nostri prodotti enogastronomici   apprezzati in tutto il mondo.
Per estrarre le ultime gocce di petrolio  produciamo un enorme impatto ambientale cercando di ritardare l’ineludibile: è necessario uscire dall’economia del petrolio prima che l’effeto serra cambi irriversibilmente il clima globale

No Comments »

assemblea – cena del tesseramento

nell’ultima assemblea abbiamo deciso di vederci il primo venerdì di ogni mese per discutere di una tematica ambientale, quindi invitiamo tutti/e soci, simpatizzanti ed amici a partecipare ad un’assemblea – cena
Venerdi’ 1 Marzo ore 19.00 presso il Pianeta Verde, via Garibaldi, 28 – Amelia
Durante l’assemblea discuteremo delle problematiche connesse con gli impianti a biomasse, analizzando la normativa regionale, il documento di Legambiente nazionale e i problemi connessi con gli impianti a biomasse di Giove, Avigliano e Sempre durante l’assemblea sarà possibile rinnovare l’iscrizione a Legambiente, che è indispensabile per permettere le attività del circolo.
Al termine dell’assemblea mangeremo insieme un’ottima cena-buffet bio-vegetariana al costo di 10 € bevande comprese, preparata dall’azienda agricola “il Contropodere”
Per motivi organizzativi, vi preghiamo di confermarci se vi fermate a cena entro la sera mercoledì 27 scrivendo a: legambiente.amelia@tiscali.it  o passando al Pianeta Verde

No Comments »

M’illumino di Meno

Venerdì 15 febbraio 2013 dalle 19.00
presso il Pianeta Verde ad Amelia – via Garibaldi, 28

aperitivo bio-equo-solidale a lume di candela a basso impatto ambientale

in occasione di M’illumino di meno, la festa del Risparmio Energetico, organizzata dalla trasmissione Caterpillar di Radio2, che spegne simbolicamente ogni anno milioni di luci in tutt’Italia per richiamare l’attenzione di tutti, cittadini e istituzioni, sul risparmio energetico e la riduzione degli sprechi per ridurre l’impatto ambientale dei nostri stili di vita

Durante la degustazione Alessandro Ronca del Parco dell’energia Rinnovabile presenterà uno straordinario misuratore dei consumi, in grado di monitorare i consumi di ogni singola apparecchiatura elettrica che permette di capire dove e come ridurre i consumi, aiutandoci a risparmiare e a ridurre il nostro impatto ambientale

No Comments »

Festa del Solstizio d’Estate

FESTA DEL SOLSTIZIO D’ESTATE
per una nuova stagione sostenibile

Domenica 26 Aprile

ore 16.30 piazzale Boccarini – Amelia
Organizzata dal circolo Legambiente Amerino In collaborazione con “ mettiamoci il sole in casa”, l’associazione “Arcobaleno”, l’ass. Arciragazzi “Il Laboratorio”, AIAB Umbria, Slow Food, Ingegnieri Senza Frontiere

ore 16:30 Apertura Festa con:

1. Laboratorio del “Riuso e Riciclaggio” di Maria Francesca Comerci
2. “Il cuore le mani la testa per un mondo sostenibile”
Associazione di promozione sociale HUMUS SAPIENS
costruzione da materiali di riuso e riciclo, di strumenti rudimentali ma efficaci per utilizzare le fonti di energia rinnovabile (forno solare, collettore per acqua calda ed aria calda, mulinello eolico, ecc).
3. PER (Parco delle Energie Rinnovabili) costruzione pannello solare ad aria calda
4. INGEGNERI SENZA FRONTIERE autocostruzione microgeneratore eolico.
5. Presentazione di “detersivi bio fai da te” a cura dell’associazione DULCAMARA
6. Laboratorio del feltro di Eva Basile
7. Esposizione lavori di Educazione Ambientale delle scuole del territorio
8. Il Museo di Amelia organizza un laboratorio e un percorso a tema: “Il rispetto dell’ambiente al tempo dei Romani”
9. Laboratorio “I giardini in miniatura” a cura di Lara Pedilarco e Natalia Andrea Piasentini

ESPOSITORI
1. PER – Parco delle Energie Rinnovabili – energie rinnovabili e risparmio energetico
2. Energy Ethic Engineering – progettazione etica e responsabile delle risorse energetiche
3. Libri Ambientalisti – Silvia Corvino
4. BETAGROUP Lugnano – energie rinnovabili
5. Scenergia – energie rinnovabili
6. Idrosolar – energie rinnovabili
7. S.E.M – soluzioni energetiche marioli – caldaie a biomasse
8. Il feltro di Eva Basile – artigianato del feltro, oggettistica e tessuti
9. Ingegneri senza frontiere – cooperazione internazionale nel campo energetico
10. Slow food Terre dell’Umbria Meridionale – promozione di prodotti tipici amerini di qualità
11. Comune di Corchiano e Associazione Arnies – buone pratiche di raccolta differenziata
12. Nascere in Casa Umbria Onlus e Ass. Lattemiele – spazio mamme e bambini
13. Termoidraulica Pernazza Lino, erogatori acqua filtrata
14. Faram- Bici elettriche a pedalata assistita

ore 19:00 Saluto del Sindaco di Amelia Riccardo Maraga, dell’Assessore all’Ambiente della Provincia di Terni Fabrizio Bellini e del vicesindaco di Corchiano (comune virtuoso a 5 stelle) Livio Martini

ore 19:30 L’ AIAB – UMBRIA presenta “ vivere sostenibile mangiando bio” con degustazione del BIO APERITIVO (Nell’ambito del progetto INCONTRABIO azione 2: incontriamoci in cucina, decreto mipaaf concessione 20349 del 17/12/10)

ore 20:30 cena offerta a cura della Azienda Agricola “IL CONTROPODERE”

ore 22:00  Notte della Taranta Amerina: CONCERTO de “I MALICANTI” Taranta del Salento

No Comments »

Arrivo della prima tappa di Corrente in Movimento al Parco dell’Energia Rinnovabile

no images were found

Corrente in movimento è il primo giro d’Italia di una macchina elettrica

Alla manifestazione era presente un nostro stand per ricordare i referendum del 12-13 Giugno

No Comments »

Legambiente premia la Libera Università di Alcatraz, per l’efficienza e il risparmio energetico

Abbiamo partecipato alla premiazione della”Libera Universita’ di Alcatraz’ come struttura ricettiva ‘amica del clima’, un riconoscimento consegnato da Legambiente a Jacopo Fo per “l’efficienza, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili realizzati nella sua struttura di Gubbio”.

Quello che abbiamo visto ci ha impressionato:  una grande attenzione per i consumi energetici e idrici, ottimi accorgimenti di coibentazione, una grande efficienza nel gestire l’impianto di riscaldamento (che utilizza gli scarti della legna), ottima cucina biologica: insomma bisognerebbe venire ad Alcatraz, oltre che per seguire i tanti corsi ed eventi che vi si svolgono, anche solo per vedere la ricerca della sostenibilità portata avanti in tutti i settori.  Se tutte le strutture ricettive d’Italia adottassero, anche solo in parte, gli accorgimenti e le tecnologie messi in opera nella Libera Universita’, ci sarebbe una grande riduzione nei consumi energetici che renderebbe ancora più inutile (oltre che improponibile) la costruzione delle centrali nucleari.

No Comments »

Come mitigare l’impatto ambientale dei campi fotovoltaici

Venerdì 4 marzo abbiamo partecipato a Lugnano all’incontro pubblico con l’assessore Regionale Silvano Rometti, che ha illustrato le proposte della regione per regolamentare l’espansione incontrollata dei campi fotovoltaici.

Noi abbiamo ribadito la nostra posizione favorevole ad una limitazione dell’estensione dei campi fotovoltaici nei terreni agricoli, e l’esclusione delle zone di alto valore paesaggistico e quelle visibili intorno ai centri storici.

Abbiamo anche avanzato delle proposte sulla regolamentazione della gestione dei campi fotovoltaici: divieto dell’uso di diserbanti (per evitare infiltrazioni nella falda), divieto di detergenti tossici per la pulitura dei pannelli e divieto di bitumazione delle strade di servizio , per evitare che diventi difficile o impossibile ripristinare lo stato dei luoghi alla dismissione dell’impianto.  L’assessore si è mostrato interessato ed ha affermato che si tratta di importanti suggerimenti di cui si potrà tener conto per la stesura del regolamento: speriamo che questo piccolo contributo possa essere utile a mitigare l’impatto dei campi fotovoltaici!

1 Comment »

la nostra posizione sui campi fotovoltaici

Come circolo di Legambiente ci siamo sempre battuti a favore delle energie rinnovabili, indispensabili per poter evitare la catastrofe ambientale determinata dall’effetto serra. E’ urgente che le energie rinnovabili, non inquinanti, sostituiscano le più breve tempo possibile il petrolio, il carbone ed il gas per fermare la corsa all’aumento della CO2 e la febbre del pianeta.

Anche delle migliori tecnologie che sfruttano le energie inesauribili senza inquinare, si può fare un uso sbagliato. In Italia ci sono 20.000 kmq di tetti, migliaia di Km di barriere frangisuono, oltre a terreni industriali, cave e discariche dismesse, terreni contaminati ecc dove posizionare pannelli fotovoltaici è un’ottima soluzione per produrre energia pulita.

Impianti di piccole dimensioni, in campagna, possono dare una giusta integrazione al reddito dei piccoli agricoltori, in crisi da molti anni.

Non possiamo però nascondere la nostra contrarietà ai campi fotovoltaici che stanno cambiando l’aspetto del panorama agricolo tradizionale dell’amerino. Lo stesso panorama che la legge De Petris, giacente alla camera da almeno 4-5 anni, vorrebbe dichiarare patrimonio nazionale da difendere con misure di tutela.

La possibilità di guadagnare cifre ingenti sta spingendo banche, assicurazioni e latifondisti a chiedere di poter costruire grossi campi fotovoltaici, anche nelle zone di grande valore paesaggistico. Gli agricoltori, non potendo sostenere i costi di investimento, al massimo possono godere delle briciole del conto energia, affittando i campi agli speculatori.

Nell’amerino il paesaggio è un bene comune da difendere per rendere possibile uno sviluppo sostenibile che punti sulla valorizzazione del patrimonio naturale e delle produzioni agricole di qualità per rilanciare un turismo ecocompatibile. Continue Reading »

1 Comment »

SI alle energie rinnovabili, NO al nucleare

Dal 8 novembre al 8 dicembre sarè possibile firmare la Legge di Iniziativa Popolare “SVILUPPO DELL’EFFICENZA ENERGETICA E DELLE FONTI RINNOVABILI PER LA SALVAGUARDIA DEL CLIMA”, promossa dal “Comitato SI alle energie rinnovabili, NO al nucleare”. presso il Pianeta Verde, ad Amelia dal martedì al venerdì dalle 16.30 alle 19.30 e il Sabato dalle 21.00 alle 23.30
La legge di iniziativa popolare chiede che venga stilato un nuovo piano energetico nazionale con l’impegno, già preso dall’unione europea (ma non dall’Italia) di aumentare l’efficienza energetical del 20% , di ridurre le emissioni di CO2 del 13% rispetto al 2005 e di utilizzare un 17% di energie rinnovabili entro il 2020. Il Piano Energetico nazionale dovrà dare la priorità alla ricerca sulle energie rinnovabili, escludere l’uso del nucleare e prevedere un piano di transizione che contempli il superamento dell’uso del carbone e l’obiettivo a lungo termine di arrivare ad una produzione al 100% di energie rinnovabili
per leggere il testo completo delle legge: http://www.oltreilnucleare.it/

No Comments »

Next »