Archive for the 'Senza categoria' Category

Domenica 16 Dicembre vieni al Natale del Pianeta Verde

l'altro natale 2018WA

No Comments »

10 semplici cose che il comune di Amelia può fare per ridurre i rifiuti, migliorare la raccolta differenziata e ridurre la TARES

 

La legge di stabilità ha spostato l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata e l‘ecotassa del 20% sui rifiuti smaltiti in eccesso in discarica dal 2012 al 2016. Anche se il comune di Amelia ha così evitato una sonora multa, il trend “piatto” della raccolta differenziata, intorno al 30% ormai da anni, e l’assoluta mancanza di iniziative capaci di incrementarla, fanno ragionevolmente pensare che la multa è stata solo spostata nel tempo. Da anni come associazione ambientalista organizziamo iniziative pubbliche per sensibilizzare la popolazione sul problema dei rifiuti e proponiamo azioni che possono aiutare a migliorare la loro gestione, per questo parteciperemo Sraccolta diffABATO 8 Febbraio ore 17.30 presso la sala Boccarini di Amelia alla tavola rotonda Facciamolo con amore. Riduzione, riuso, riciclo – Le associazioni e i cittadini incontrano le Istituzioni”, organizzata insieme alle associazioni “Oltre il Visibile” ed Italia Nostra. In questa occasione presenteremo un semplice decalogo:

10 semplici cose che il comune di Amelia può fare per ridurre i rifiuti, migliorare la raccolta differenziata e ridurre la TARES

a costi irrisori, ampiamente compensati dai risparmi per il mancato conferimento dei rifiuti in discarica

  1. incentivare la riduzione dei rifiuti riconoscendo una riduzione della TARES per chi pratica il compostaggio domestico, e per le famiglie con bambini fino a 3 anni di età che utilizzano pannolini lavabili;

  2. premiare i comportamenti virtuosi:chi differenzia meglio deve pagare meno. Si può iniziare dalle utenze che non sono servite dalla raccolta porta a porta. Seguendo l’esempio del comune di Narni i cittadini vengono forniti di una tessera magnetica, per ogni quantità di rifiuti correttamente differenziati conferiti all’isola ecologica (secondo una tabella che rapporta quantità e tipologia di rifiuto) si ottengono dei punti. Raggiunto il punteggio stabilito si ottiene una riduzione della tassa.

  3. Regolamentare la gestione degli imballaggi e la raccolta dei rifiuti in tutti i negozi e nei supermercati, accordandosi sulle modalità di conferimento e riducendo l’importo della TARES in base all’effettuazione di una raccolta differenziata corretta

  4. promuovere attraverso convenzioni la vendita di prodotti con vuoto a rendere e la vendita di prodotti sfusi (detersivi e detergenti alla spina ecc.) concedendo riduzioni della TARES ai negozi che la attuano Continue Reading »

No Comments »

La Commissione Europea autorizza la coltivazione di soia transgenica

La Commissione Europea autorizza la coltivazione di un tipo di soia transgenica prodotta dalla Bayer, destinata principalmente all’alimentazione animale, ma che finirà inesorabilmente nei prodotti per l’alimentazione umana grazie alla mancata adozione di misure specifiche per scongiurare la contaminazione.

“L’Europa e’ schizofrenica sugli ogm: il Parlamento Europeo blocca le carni clonate e la Commissione autorizza soia biotech. Con la scusa della scarsità alimentare si danneggia l’economia e la sicurezza dei consumatori europei. L’unica certezza e’ la volontà di spalancare le porte agli Ogm in Europa facendo un grande favore agli Stati Uniti e alle multinazionali del Biotech che li producono. Non ha alcun senso, infatti, autorizzare la soia transgenica per scongiurare il rischio di scarsità di mangimi per l’allevamento zootecnico in Europa. La crisi alimentare degli animali si scongiura autorizzando gli Stati europei a produrre autonomamente e nella maniera più consona al proprio contesto le varietà necessarie al proprio sistema agroalimentare”. Lo spiega Francesco Ferrante, responsabile Agricoltura di Legambiente, commenta la notizia del definitivo via libera concesso dalla Commissione Europea. “I consumatori italiani ed europei continuano ad opporsi agli ogm – ha sottolineato Ferrante – , il Parlamento europeo, dall’alto della sua autorità, si e’ recentemente espresso contro la clonazione animale per fini alimentari, eppure la Commissione apre alla commercializzazione di una soia transgenica di cui l’Europa non ha alcun bisogno e che mette seriamente a rischio le nostre produzioni agroalimentari tipiche e di qualità”.

No Comments »